Articoli

Pagina 2 di 3 - 1 2 3

Dipendenza sessuale e metacognizione
Rivista di Sessuologia Clinica - n.1/2012 Franco Angeli

La rivista “Rivista di Sessuologia Clinica”, edita Franco Angeli, ospita nel Fascicolo: 1 2012 un articolo di Tonino Cantelmi ed Emiliano Lambiase: Dipendenza sessuale e metacognizione (Sexual addiction and metacognition). Questo contributo intende analizzare il rapporto tra la dipendenza sessuale ed il funzionamento metacognitivo, sia dal punto di vista esplicativo della patogenesi del disturbo che da quello descrittivo dei processi cognitivi correlati.

Pubblicato il 10/04/2012

Quale bellezza salverà il mondo?
Rivista Arte e Fede -n. 42 – Settembre/ Dicembre 2011

La rivista “Arte e fede” ospita un interessante articolo del Prof. Tonino Cantelmi dal titolo “Quale bellezza salverà il mondo”. […]Ma qual è dunque l’estetica del mondo postmoderno tecnoliquido? Sostengo che la dimensione estetica prevalente, nella quale sembrerebbero crescere i nativi digitali, sia pervasa da tre elementi: il kitsch, il camp e il gusto horribilis. Ecco, direi che il kitsch, il camp e il gusto dell’horribilis rappresentano le prevalenti dimensioni estetiche che soddisfano i bisogni dell’uomo post moderno E’ in questo contesto estetico, narcisistico (kitsch), ambiguo (camp) e emotivo (horribilis) che crescono i bambini e gli adolescenti immersi nella tecno liquidità.

Pubblicato il 27/02/2012

Psicoterapia cognitiva interpersonale: origini e prospettive
Modelli per la Mente - Anno IV - n.1/2011

Modelli per La Mente Anno IV - n.1/2011 Modelli per la Mente è la rivista ufficiale della Scuola di specializzazione in Psicoterapia Cognitivo Interpersonale SCINT e dell'istituto di Terapia Cognitivo Interpersonale ITCI. La parte monografica è dedicata alla COGNITIVISMO INTERPERSONALE. il numero si apre con l'editoriale del Prof. Tonino Cantelmi: "Psicoterapia cognitiva interpersonale: origini e prospettive".[...] "Il Cognitivismo Interpersonale è un’avventura in corso. Lo testimoniano le tante pubblicazioni scientifiche e i lavori di ricerca che ex allievi, colleghi, docenti e terapeuti hanno messo in campo: il modello è già, ma non ancora. È già, perché il riferimento a Guidano e l’integrazione della Benjamin costituiscono un saldo e completo punto di partenza". Leggi gli altri articoli e l'indice.

Pubblicato il 07/09/2011

Le città invivibili
"La Società" - Rivista scientifica della Fondazione Toniolo N.1/2011

Fonte "La Società"A distanza di più di trenta anni dalla pubblicazione di Le città invisibili di Calvino, possiamo osservare quanto queste parole siano sensate e reali ora, nelle nostre città. Spesso infatti, l’intuito e la sensibilità degli artisti anticipano le osservazioni degli scienziati ed effettivamente oggi molte analisi attestano uno stato di malessere nelle città e nella società moderna. Qual è la concezione di uomo che domina il panorama culturale e sociale della città moderna?

Pubblicato il 11/07/2011

Internet Addiction Disorder - Dipendenza da internet
Fonte: Psicologia Contemporanea – Nov-/Dic 1998

È il primo articolo apparso in Italia sulla dipendenza da Internet a cura di Tonino Cantelmi e Massimo Talli, nell'articolo viene presentato il fenomeno della IAD e i primi casi di dipendenti dalla rete.

Pubblicato il 28/04/2011

Psiconcologia:un approccio globale
Modelli per la Mente - Anno III – n. 3/2010

Fonte: Modelli per la Mente, Anno III – n. 3/2010. Rassegna di studi e ricerca per la normalità e la patologia. direttore scientifico Tonino Cantelmi. Editoriale di Maria Beatrice Toro "Psiconcologia: un approccio globale". Indice del numero.

Pubblicato il 19/03/2011

Modelli per la Mente: Progetto VALES
Modelli per la Mente, Anno III – n. 3/2010

Fonte: Modelli per la Mente, Anno III – n. 3/2010 Rassegna di studi e ricerca per la normalità e la patologia. Direttore scientifico Prof. Tonino Cantelmi. Articolo: "Progetto VALES: ascoltando il paziente. Prime evidenze dello studio condotto a Roma presso gli Istituti Regina Elena e San Gallicano sul vissuto emotivo e sui bisogni dei pazienti sottoposti ad intervento chirurgico".

Pubblicato il 19/03/2011

Web & Psiche
Modelli per la Mente - Anno III – n. 3/2010

La rubrica della Rivista  Modelli per la Mente,  Web & Psiche pubblica un articolo sulla DIA  “Digital Identity Assessment” (Valutazione dell’Identità in ambiente Digitale), questa è una nuova branca della cyber psicologia, proposta da Cantelmi, Toro, Talli nel libro Avatar (Magi 2010)

Pubblicato il 19/03/2011

Era Tecnoliquida. Rischi connessi all’uso e all’abuso della Rete
Benecomune.net

Fonte: Benecomune.net. Benecomune pubblica uno speciale a cura di Tonino Cantelmi: "Era tecnoliquida.Rischi connessi all’uso e all’abuso della Rete".... I problemi psicopatologici Internet-correlati sono per alcuni psichiatri e psicologi (sempre più numerosi), affascinanti e nuovi, ma questo non vuol dire affatto che la Rete sia un qualcosa di pericoloso e da evitare: più semplicemente è inevitabile studiare l’impatto che un mezzo così straordinario e, direi, così vitale ha sulla mente umana.

Pubblicato il 10/03/2011

Eterogeneità delle condotte additive nell’era del narcisismo digitale
Giornale Italiano di Psicopatologia/Italian Journal of Psychopathology Volume 17 Marzo 2011

Fonte: Giornale Italiano di Psicopatologia/Italian Journal of Psychopathology Volume 17 Marzo 2011 Eterogeneità delle condotte additive nell’era del narcisismo digitale di Tonino Cantelmi. Sono passati pochi anni da quando sono stati introdotti i primi social network. Da allora si è assistito ad una impressionante moltiplicazione di profili personali e di gruppi di amici digitali che non avremmo mai sognato di avere prima. Il web 2.0, la rete partecipativa, a seconda di molti, incoraggia lo sviluppo della cultura narcisistica, l’esibizione di identità artefatte e seducenti, da poter essere amate da chiunque

Pubblicato il 01/03/2011

La prostituzione? Mestiere moderno
Più voce del 10.02.2011

Oggi, 10.02.2011, il quotidiano on line Più voce riporta articolo del Prof. Tonino Cantelmi sul tema della prostituzuione nell’era della rivoluzione digitale e della liquidità. Sono ormai vecchie le categorie della “prostituta” e del “cliente” di qualche anno fa, forse debbono essere lette alla luce di un mutamento che rende la prostituzione liquida, postmoderna e tecno modulata.

Pubblicato il 10/02/2011

Un anno di zapping - Postfazione di Tonino Cantelmi
Guida critica ai programmi televisivi 2009-2010

Nella società liquida postmoderna c’è ancora posto per la televisione? L’abitante del tecnomondo, l’indefinito avatar-viaggiatore del cyberspazio, così abile nella tecnomediazione delle relazioni e delle emozioni, il nativo digitale prossimo venturo, insomma l’uomo tecno-liquido del terzo millennio “guarderà” ancora la televisione? Certamente no, se la televisione non si stesse prontamente adeguando alla dimensione e alla cifra della liquidità.

Pubblicato il 07/07/2010

Sex Offender: l’aggressività ed il problema dell’empatia

Dagli studi di carattere psicologico sappiamo che, nello sviluppo delle manifestazioni aggressive del sex offender, la rabbia è presente come condizione necessaria, ma non sufficiente a spiegarli. Lo stesso vale per la cecità verso l’elaborazione cognitivo-affettiva. Questa è spesso assente e può impedire al sex offender di collegare adeguatamente le sue risposte emotive agli stimoli esterni e interpersonali.

Pubblicato il 28/06/2010

La dipendenza affettiva
Corso di Psicopatologia dei Consumi - Università Sapienza

Lo psicanalista Fenichel, nel 1945, introduceva il termine amoredipendenti ad indicare persone che necessitano dell'amore come altri necessitano del cibo o della droga. Tuttavia il termine “Dipendenza affettiva” è recente: nasce sull'onda del successo, negli anni '70,di un libro della psicologa americana Robin Norwood "Donne che amano troppo".

Pubblicato il 27/05/2010

Il Satanismo
- Corso di Psicopatologia dei Consumi - Facoltà di Psicologia 2 - Sapienza Università di Roma

Lezione del Prof. Cantelmi Psicopatologia dei Consumi Facoltà di Psicologia 2. Per “satanismo” si intende il culto di Satana, che può essere inteso sia come divinità malefica a se stante, che come avversario del Dio cristiano. Il satanismo moderno nasce negli anni sessanta in California ad opera di Anton La Vey. Il 30 Aprile 1966 La Vey fondò la Chiesa di Satana e chiamò il 1966 “l’Anno Uno di Satana”. Tra il 1969 ed il 1972 La Vey pubblicò i suoi libri più famosi: «La Bibbia di Satana», il «Libro completo della Magia» ed «I Rituali Satanici».

Pubblicato il 12/05/2010
Pagina 2 di 3 - 1 2 3