Comitato di Bioetica gli interrogativi del nuovo mandato

Iere si è riunito nuovo Comitato nazionale per la bioetica (Cnb), nominato lo scorso 6 dicembre dalla Presidenza del Consiglio. Un Comitato molto rinnovato rispetto al precedente: 13 componenti confermati e 20 nuovi, nuovi anche il presidente (Angelo Luigi Vescovi) e due vicepresidenti su tre. Tra i componenti anche il Prof. Tonino Cantelmi. «Porterò la mia esperienza di psichiatra, la salute mentale è considerata dall'Organizzazione mondiale della sanità il principale "fardello" nei sistemi sanitari di tutti i Paesi del mondo, ancora prima del Covid-19. E la depressione è già la prima causa di invalidità al mondo» queste le dichiarazioni del professore lasciate all'inserto di Avvenire "è vita".

Disuguaglianze sociali di Salute

Lo scopo dell’evento è quello di creare sinergie tra diverse realtà italiane attraverso il confronto di esperienze maturate nei contesti regionali e locali. Il confronto tra gli stakeholders sarà guidato dal Prof. Michael Marmot, illustre esperto di Disuguaglianze Sociali di Salute a livello mondiale, il quale mostrerà i risultati raggiunti a livello locale da una rete di città inglese, le cosiddette “Marmot Cities”. Sebbene la realtà italiana sia diversa da quella anglosassone, la loro esperienza contribuirà ad accrescere conoscenze su strategie, azioni/interventi da implementare a livello locale considerando le lenti dell’equità. Il prof. Cantelmi si collegherà in remoto da Roma.

Il Rotary per la salute pubblica, la salute mentale al centro della società

Per il progetto Mental Health il Distretto Rotary 2080 ha organizzato, venerdì 3 febbraio alle ore 18:oo la tavola rotonda "Il Rotary per la salute pubblica, la salute mentale al centro della società”, tra i relatori il prof. Tonino Cantelmi. L'evento è svolto in partnership con Unicef.

"Progetto Rondini" per contrastare il disagio giovanile

L’Associazione Semi di Pace inaugura i corsi per famiglie ed insegnanti, nell’ambito del “Progetto Rondini”. Incontri che aiuteranno a comprendere i giovani, ad ascoltarli, ad accompagnarli nel loro difficile percorso di crescita. L’iniziativa è in collaborazione con ITCI Istituto di Terapia Cognitivo Interpersonale e “Io ho un sogno onlus”, e l’adesione di molte scuole.